sabato 5 novembre 2016

PSYMIND ADOTTA LA REALTA' VIRTUALE PER IL TRATTAMENTO DEI DISTURBI D'ANSIA



Il centro Psymind ha incluso la Realtà Virtuale tra i propri trattamenti all’avanguardia per la cura di numerosi disturbi psichici. Il 2016 è stato un anno significativo per questo tipo di tecnologia, tanto che compagnie del calibro di Facebook, Apple, Google, Samsung, HTC hanno strategicamente focalizzato la propria attenzione su quella che gli esperti definiscono una rivoluzione a breve termine paragonabile alla nascita di internet. 

La realtà virtuale è una tecnologia validata da più di due decenni di ricerca psicologica che ne ha comprovato l’efficacia e la consistenza scientifica allo scopo di migliorare e velocizzare gli approcci terapeutici classici. Fino a poco tempo fa questo tipo di approccio era ristretto ai centri di ricerca e agli atenei internazionali più evoluti. Adesso la realtà virtuale è realtà psicoterapeutica reale anche nel nostro centro, grazie alla partnership con Psious, società catalana specializzata nello sviluppo di ambientazioni immersive, tridimensionali e mirate al lavoro psicoterapeutico.

La realtà virtuale offre evidenti benefici nel trattamento dei disturbi d’ansia. I nostri pazienti stanno già traendo vantaggio da questa tecnologia che permette loro di sfruttare al massimo il tempo della seduta e di misurare oggettivamente i propri progressi anche attraverso la rilevazione dei livelli di attivazione e disattivazione fisiologica con specifici sensori cutanei. Abbiamo percepito di recente un aumento di interesse verso la terapia delle fobie, che sono patologie molto diffuse e capaci di limitare fortemente la vita quotidiana di molte persone. La realtà virtuale  rende la cura di questi disturbi più facile e più rapida.

I disturbi d’ansia come agorafobia, claustrofobia, ansia generalizzata, colpiscono approssimativamente il 20% della popolazione e sono una delle principali cause di assenza dal lavoro. Questi disagi intaccano la qualità di vita e tendono a peggiorare e generalizzarsi se non trattati in tempi rapidi e con efficacia.

Come ci ha detto Anna, 44 anni, una paziente trattata con realtà virtuale abbinata a biofeedback, ipnosi e psicoterapia cognitivo-comportamentale: “Mi piacerebbe aver deciso prima di farmi curare: avevo un’assurda paura di volare e non volevo accettare la mia condizione. Ho evitato di salire su un aereo per quasi vent’anni, poi sono tornata a volare nel giro di poche settimane, grazie a una terapia ultramoderna, semplice, molto graduale e addirittura divertente. E senza farmaci”.

LA POLTRONA MASSAGGIANTE MIGLIORE AL MONDO

Poichè benessere non è semplicemente assenza di disturbi, nè puramente equilibrio, noi pensiamo che la felicità sia una fluida, continua, realistica e gentile ricerca di significati e piacere. Quando corpo e mente funzionano insieme in modo complementare e appagante, tutti stiamo meglio. Questo è il senso dell'abbinamento di una poltrona rivoluzionaria e avanguardistica a un centro psicoterapeutico ad alto contenuto tecnologico.

Dreamwave, poltrona nipponica sensibile,  ti permette di scegliere tra sei differenti massaggi della durata di 15 minuti:
  • corpo completo
  • corpo completo solo con cuscini ad aria
  • energizzante
  • rilassante
  • stretching
  • lombari-gambe
Tutti i tecnomassaggi possono essere di intensità normale o profonda e inoltre è disponibile un programma leggero per under 18 (autorizzati o accompagnati dai genitori).

Nel nostro centro puoi acquistare o regalare tre tipi di pacchetto rilassante:
  • singolo tecnomassaggio (15 euro)
  • tessera da cinque tecnomassaggi (50 euro)
  • tessera relax con 2 sedute di ipnosi, 2 di biofeedback e due tecnomassaggi (250 euro)

sabato 18 giugno 2016

LO STILE GENITORIALE INFLUENZA CONCRETAMENTE IL FUTURO DEI FIGLI

Molto spesso i  genitori di figli under 10 o under 20 con problemi comportamentali o disturbi emotivi più o meno radicati e gravi oscillano tra posizioni estreme nel correlare la propria genitorialità alla sofferenza della prole (che spesso è vissuta più come sofferenza dei genitori stessi): "è tutta colpa nostra", "non può sempre usare la scusa di come è stata la sua prima infanzia".

Indubbiamente i genitori, essendo il primo, necessario, obbligato contatto col mondo per qualunque bambino, ne costituiscono la prima, fondamentale interfaccia. Il mondo viene tradotto al bambino in termini di contatto, vicinanza, tempistica, espressioni, toni, modi. E il bambino si forma un modello preverbale dell'universo che tenderà a mantenere nel corso della vita, interpretando sè e gli altri secondo la naturale evoluzione di ciò che ha appreso attraverso lo stile di attaccamento iniziale e la qualità della risposta ricevuta ai suoi bisogni fondamentali.


Una nuova ricerca riafferma in questi giorni che i genitori supportivi, che non eccedono in lassismo né in severità influenzano positivamente il senso di sicurezza, l'attitudine positiva, la carriera accademica e quella lavorativa dei figli. Se semini bene oggi, avrai un prato fiorito domani.

Clicca qui per leggere la ricerca

SATANISTI ITALIANI: EGOISTI E FREDDI MA ANCHE EQUILIBRATI E NON VIOLENTI

Il 2016 è un anno particolare, per il satanismo internazionale. Cinquant’anni fa, infatti, in California Anton Szandor LaVey fondò la Chiesa di Satana e la sua Bibbia Satanica ne fu il testo portante. Oggi la Church of Satan esiste ancora, ha tanto di sito web, tutela l’anonimato e la riservatezza dei propri iscritti (tessera annuale a 200 dollari americani) e dal 2001 è guidata da Peter Gilmore, successore di LaVey (morto nel 1997), direttore del giornale The black flame e revisore della Bibbia Laveyana. Per gli adepti della Church, Satana non è tanto una divinità biblica cristiana quanto una sorta di esponenzializzazione del Sé, come a indicare che attraverso la gratificazione o il miglioramento personale ciascuno può aspirare laicamente a diventare dio di se stesso.

Il 6 giugno 2016 è stata una data suggestiva, in questo anno particolare (6-6-16). The Satanic Temple di Los Angeles, altro gruppo di culto di matrice satanico-gnostica che incoraggia formalmente «all’empatia e alla benevolenza» anche nel sito web del suo capitolo italiano, compie un rituale di presentazione della propria corrente nella città californiana di Lancaster. Una sorta di marketing dal vivo in occasione di una data evocativa che richiama l’apocalittico 666. E in Italia, in un contesto formalmente osservante in cui essere cattolico è «normale», cosa succede?

Un ritratto italiano  
A più di vent’anni dall’ultimo censimento ministeriale dei gruppi di culto, e con oltre otto milioni di pellegrini giunti a Roma per il Giubileo nei primi sei mesi dall’apertura della Porta Santa di San Pietro, chi è il satanista-tipo in questo paese? Un soggetto deviante, reietto, burlone, rivoluzionario, devoto, libero o cos’altro? Non esistendo dati precisi e attuali che ci permettano di sapere quanti siano, in cosa credano e cosa facciano di preciso i seguaci nostrani di Satana, abbiamo pensato di comporne un ritratto personologico formando un campione statisticamente rappresentativo di questa nicchia della popolazione e rifuggendo a priori ogni tipo di etichetta e di pregiudizio.

Come formare il campione  
Ci siamo avvalsi della collaborazione di Usi, (Unione satanisti italiani) un progetto fondato nel 2010 dall’allora ventunenne Jennifer Crepuscolo. «Usi – spiega lei - si propone come un movimento libero volto a una vera e propria restaurazione del Culto di Satana, da noi visto come “il Dio gentile dell’anima” e non come il mostruoso diavolo biblico. Satana e le sue schiere non sono entità malvagie, bensì gli antichi Dei delle Origini, in seguito demonizzati dalle dottrine predominanti. Quello che proponiamo è un ideale non violento, che anzi per primo condanna ogni forma di devianza criminale e mette in guardia le persone da guru, truffatori e psicosette».

I satanisti si raccontano  
Sul sito dell’Usi è anche visionabile un clip-documentario in cui i satanisti ci mettono la faccia: dal liceale alla madre di famiglia, fino al padre che accetta la scelta del figlio minorenne e invita le famiglie al dialogo. USI ha un sito intorno al quale gravita un pubblico di 70mila persone, un Forum che conta 2623 partecipanti, un canale Youtube con 1875 iscritti, una pagina Facebook che catalizza l’attenzione di 5557 persone e un gruppo Facebook riservato a satanisti con 1910 membri. Da questo universo abbiamo estrapolato 79 satanisti praticanti, maschi e femmine, bilanciati per sesso e provenienza geografica, tra i 18 e i 60 anni. Abbiamo somministrato loro una lunga batteria di test scientificamente validati.

Gli strumenti e il metodo  
I questionari selezionati intendevano sondare la psiche dei soggetti scandagliando costrutti, caratteristiche e dimensioni differenti tra loro, allo scopo di ottenere una sorta di fotografia psicosociale del satanista medio. Così abbiamo utilizzato strumenti per valutare l’autostima (Basic-Se), il livello di preoccupazione personale (Pswq), la capacità di controllo emotivo (Ders), l’abilità nel connettersi emotivamente agli altri in maniera empatica (Bees), la qualità delle strategie di fronteggiamento delle difficoltà (Cope-Nvi), la percezione della responsabilità e della controllabilità degli eventi come interna o esterna (LOC), la valutazione della personalità sulla base di cinque macrofattori - energia, amicalità, coscienziosità, stabilità emotiva, apertura mentale - e dieci sottodimensioni (BFQ). Raccolte le risposte dei partecipanti, le abbiamo analizzate raffrontandole ai dati normativi riferiti all’intera popolazione italiana, tenendo in considerazione solamente le differenze statisticamente significative, cioè quelle che hanno una probabilità inferiore all’uno per mille di essere ascritte al caso. Osservando quanto e in quali settori il campione si discostasse dalla norma, abbiamo suddiviso le differenze in lievi e notevoli.

La fotografia del satanista medio
Tra le variazioni lievi è possibile notare che il satanista italiano tende ad avere maggiore autostima rispetto alla norma, ad accettare meglio le proprie emozioni, essendone più consapevole, e a mostrare un atteggiamento più positivo, anche se risulta percorso da più preoccupazioni, una maggiore mancanza di fiducia nel prossimo, da cui tende a prendere le distanze e col quale non entra particolarmente volentieri in contatto. Per quanto riguarda le variazioni notevoli, la più paradossale è una forte tendenza alla concretezza, che porta il satanista a orientarsi verso soluzioni trascendentali molto meno di quanto tende a fare l’uomo comune. Inoltre è equilibrato nel ripartire le responsabilità tra se stesso e il resto del mondo, e a livello di personalità denota una maggiore apertura mentale (più culturale che esperienziale) e molta meno cordialità rispetto alla norma, ed è più coscienzioso-perseverante e più emotivamente stabile, sotto il punto di vista del controllo delle emozioni.

Senza eccessi esoterici  
In sintesi, il satanista italiano medio è un soggetto che si destreggia bene tra le proprie emozioni e nonostante una certa tendenza alla preoccupazione, complice anche la buona autostima, ha l’inclinazione a risolvere i problemi da solo e con atteggiamento pragmatico e positivo, senza eccessi esoterici e senza aspettare che qualcuno o qualcosa intervenga dall’esterno. Perseverante e controllato, tende a essere piuttosto egoista, indifferente e freddo nei confronti degli altri. La sua dimensione prediletta sembra essere quella individuale.

(nostra ricerca pubblicata il 6 giugno 2016 su laStampa.it)

venerdì 29 aprile 2016

SEI IN CRISI? E' UNO SPAZIO DI MAGGIORE CURIOSITÀ'


I momenti di crisi arrivano insieme ad altrettanti momenti di viva curiosità verso se stessi e verso il mondo. A dimostrarlo è una ricerca firmata da Oliver Robinson dell’Università di Greenwich e Jordan Litman dell’Institute for Human & Machine Cognition della Florida.
“Già in uno studio precedente – afferma Robinson – avevamo notato attraverso la somministrazione di interviste che è abbastanza comune, per chi vive una fase di difficoltà o instabilità emotiva, sperimentare anche un periodo di maggiore curiosità sulla propria identità e sull’ambiente circostante. In una successiva ricerca abbiamo voluto esplorare questa tendenza su un campione di più di 900 soggetti dai 20 anni in su”.
In effetti - definita la crisi come un periodo di almeno un anno, in cui i soggetti sperimentano labilità emotiva a volte percependo la situazione come insostenibile rispetto alle proprie abilità e risorse – i momenti di crisi capitano più frequentemente agli adulti di mezza età (24%), seguiti dai giovani (22%) e dai vecchi (14%). Nel caso dei 25enni e dei 50enni, la crisi è fortemente correlata a un aumento della curiosità.
“Si tratta di fasi della vita in cui aumentano incertezza e stress – dice Robinson – ma anche apertura a nuovi stimoli e a nuove idee, che possono portare a soluzioni creative e indurre un salto evolutivo”.

lunedì 12 ottobre 2015

EMOZIONI E RAZIONALITA' DOPO INSIDE OUT: PILLOLA AUDIO SU RMC

Le emozioni possono essere tenute a freno con la razionalità? Il film Inside Out ti ha fatto riflettere?
Alessandro Calderoni ne parla su RMC.
Ascolta qui l'estratto audio.

sabato 3 ottobre 2015

NASCE "QUI, ORA, DOMANI", ASSOCIAZIONE PER L'INNOVAZIONE TECNOLOGICA IN PSICOLOGIA.

Nel mese di settembre 2015 ha visto la luce "Qui, Ora, Domani", un'associazione culturale senza scopo di lucro dedicata all'innovazione in campo psicologico e psicoterapeutico.
Il presidente Alessandro Calderoni, psicologo e ipnologo, si occupa di ricerca nell'ambito della psicologia digitale già dal 2008 e ritiene che "sia ormai necessario creare un dialogo attivo tra società e psicologia, per superare il costante processo di invecchiamento che colpisce ogni scuola di pensiero psicologica e psicoterapeutica all'atto del confronto tra protocolli, modi e setting fissi - da un lato - e quotidianità in continua mutazione dall'altro. L'era digitale ha accelerato la comunicazione tra individui e messo in contatto ambiti sociali prima distanti e incapaci di comunicare tra loro. Oggi tutti possono esprimersi su tutto, e spesso lo fanno senza alcun limite. La narrazione del mondo e di se stessi, le relazioni con i propri contenuti e con gli altri, la consapevolezza e la sua stessa assenza sono temi in rapido divenire. E la psicologia non può stare al palo".

Per queste ragioni, "Qui, Ora, Domani" si propone come scopi:

  • diffondere e aggiornare la cultura psicologica;
  • promuovere la “psicologia digitale” come campo di ricerca e di intervento per il benessere di individui e gruppi;
  • promuovere l’integrazione tra strumenti e tecniche psicologici e psicoterapeutici differenti nell’ottica evidence based del comprovato effetto sui destinatari del trattamento; 
  •  allargare gli orizzonti didattici e operativi di educatori, insegnanti, psicologi, psichiatri, psicoterapeuti,  e operatori sociali introducendo e migliorando l’utilizzo della tecnologia nei rispettivi campi applicativi;      
  •  ideare e gestire servizi innovativi di intervento psicologico.
 I due spunti di riflessione principali dell'associazione riguardano: 1) quali e quante tecnologie impiegare in psicoterapia/psicologia, e come; 2) lo studio e l'applicazione di un nuovo modello di psicoterapia diffusa, un sistema di aiuto liquido e permanente che instauri un tipo di relazione psicologo-paziente "connessa" cioè sempre on line, attiva, presente.

Attualmente l'associazione gestisce il servizio Zheng: un amico, un aiuto, il primo servizio italiano di ascolto e aiuto psicologico per adolescenti effettuato tramite Facebook, ideato in collaborazione con l'A.O. Fatebenefratelli di Milano sin dal 2010.